sabato 21 luglio 2012

La teoria del pollaio

Al contrario di quello che potrebbe sembrare, la teoria del pollaio non è affatto offensiva. Se qualcuno si deve offendere quelle sono proprio le galline. Disprezzate dagli ignoranti e dai loro luoghi comuni.
In un pollaio le galline sono ben distinte: per il piumaggio, per il livello gerarchico e per l'atteggiamento nei nostri confronti. Se cambia il pollaio ritroverai spesso o quasi sempre le stesse galline.
La teoria del pollaio implica che persone diverse, che si succedono nel tempo o nello spazio, finiscono per assomigliarsi. Tizio del liceo ricorda Sempronio del militare. Stessa faccia, metallari tutti e due, capelloni tutti e due. Persone affidabili. Pinca dell'università somiglia a Pallina del dopo-università: stessi capelli, stessa altezza, stesso comportamento. Premurose e gentili entrambe. Ovviamente il discorso vale anche per le ragazze/i che ci piacciono. Ci sono famigliari perchè hanno un tratto, o più tratti in comune. E se diciamo loro "sei unica", potrebbe non essere del tutto vero.

Parentesi sociologica chiusa.

Nessun commento:

Posta un commento