giovedì 29 marzo 2012

Il merlo Piero e il sosia Berto

"Il Piero!" esclama il papà.
Mi giro per vedere chi è arrivato e...
C'è solo un merlo, sulla rete, che guarda con vivo interesse i lombrichi che si dimenano sulla terra vangata dell'orto. L'appetito vince la diffidenza per gli esseri umani. Curioso che il papà lo chiami Piero. Lo ha riconosciuto, probabilmente.
Si tratterà sempre dello stesso merlo?

A Trento.
Di corsa a prendere l'autobus, facendomi strada tra le orde dei neolaureati. Mi artiglia una ragazza "Ma ciaooo!" La squadro per capire chi diavolo sia. "Non mi riconosci?" No. Beh, lei assomiglia alla figona del liceo, ma dubito che si ricordi di me. Provo: "Sei la Gia..?" "Sono la Lucia!" In quel momento arriva un'altra ragazza che mi prende a braccetto. "Il Bertoooo!!" mi saluta così. Ecco, casca l'asino. Le saluto con "Vorrei, vorrei tanto essere il Berto, ma sto perdendo l'autobus..."

venerdì 23 marzo 2012

Chiuso il libretto postale, dopo tre mesi gli interessi

Dopo un tira e molla di tre mesi sono riuscito a chiudere il libretto postale. Gli interessi per chi chiude il libretto postale non sono pronti. Ripassi tra dieci giorni. Ritornello ripetuto un po' di volte dagli impiegati. Come per dire: Si stancherà di chiedere gli interessi, prima o poi.
Comunque questa è stata solo la seconda fase, prima c'è stato da sudare per far loro capire che volevo estinguere il libretto. Chiamano il direttore che con voce suadente mi consiglia di versare altri soldi, così quest'anno avrò degli interessi maggiori. Grazie, ma no. So che i miei risparmi farebbero comodo al tuo stipendio...
Nota curiosa: sull'informativa del sito di Poste Italiane per la chiusura del libretto postale devono passare solo tre giorni lavorativi.

martedì 20 marzo 2012

Online la cartina interattiva di Baselga, Cadine, Sopramonte, Vigolo, Terlago

Conclusa la cartina interattiva di Baselga del Bondone, praticamente un disegno eterno dove puoi cliccare sui paesini e sui posti da visitare, per vedere informazioni e foto. Si può vedere cliccando qui. Oltre a Baselga include Cadine, Sopramonte, Terlago, Vigolo, Sant'Anna... Sull'altro blog scriverò una recensione più approfondita.

sabato 17 marzo 2012

Risvolti sui festini a Baselga...

Stasera la mandria di ragazzotti è tornata su a far festa. Alla festa del Seba, dicevano, nella saletta sotto la canonica. E intanto invitavano amici di amici sul cellulare. Tutti su alla movida di Baselga!
1) Hanno tutti il sacco a pelo quindi restano a dormire. Quindi adesso c'è da chiedersi quanto pagano d'affitto? L'affitto copre solo la serata o la serata e tutta la notte? Perchè io temo che l'organizzatore, l'elemento sopra, sborsi solo una cifra molto modica, che recupera abbondantemente con le consumazioni alcoliche. Visto il casino che fanno, si potrebbe anche pensare di far lievitare il prezzo, se proprio non si vogliono annullare questi ritrovi.
2) Saranno stati loro a divellere la panchina e a gettarla giù la settimana scorsa? Questi sull'autobus non sembravano ragazzacci, ma l'alcol fa miracoli in certi casi.
3) Devono fotografare la fontana: la scorsa altra ci hanno pisciato dentro, ne parlavano le ragazzine...

Aggiornamento: alle 22.00 sono tornati alla fermata dell'autobus (tutti?). Non fanno niente stasera? Chissà

domenica 4 marzo 2012

Reclamo a Trentino Trasporti: troppi non fanno il biglietto

Premessa: i soldi per l'abbonamento dell'autobus sono sempre ben spesi.
Però ho inviato un reclamo a Trentino Trasporti: questa azienda permette agli utenti di non fare il biglietto. Perchè la gente la devi costringere a fare il biglietto, le devi piazzare davanti l'obliteratrice se vuole salire (come succede a Londra o a Forlì, o in corriera); se lasci la gente libera di salire sull'autobus e di fare quello che vuole, allora solo una parte farà il biglietto. L'altra parte, costituita anche da molti cittadini italianissimi, se ne sbatte altamente, soprattuto la sera, quando è evidente che non girano i controllori.
Ieri sera sul 6 c'era una mandria di ragazzotti che sono scesi tutti a Baselga, per andare in chissà quale festino. Nessuno di loro ha obliterato il biglietto. C'era anche una signora di Baselga, una maestra credo, che non lo fa mai. Assomiglia a una clandestina nervosa, che continua a guardarsi in giro.