giovedì 29 marzo 2012

Il merlo Piero e il sosia Berto

"Il Piero!" esclama il papà.
Mi giro per vedere chi è arrivato e...
C'è solo un merlo, sulla rete, che guarda con vivo interesse i lombrichi che si dimenano sulla terra vangata dell'orto. L'appetito vince la diffidenza per gli esseri umani. Curioso che il papà lo chiami Piero. Lo ha riconosciuto, probabilmente.
Si tratterà sempre dello stesso merlo?

A Trento.
Di corsa a prendere l'autobus, facendomi strada tra le orde dei neolaureati. Mi artiglia una ragazza "Ma ciaooo!" La squadro per capire chi diavolo sia. "Non mi riconosci?" No. Beh, lei assomiglia alla figona del liceo, ma dubito che si ricordi di me. Provo: "Sei la Gia..?" "Sono la Lucia!" In quel momento arriva un'altra ragazza che mi prende a braccetto. "Il Bertoooo!!" mi saluta così. Ecco, casca l'asino. Le saluto con "Vorrei, vorrei tanto essere il Berto, ma sto perdendo l'autobus..."

Nessun commento:

Posta un commento