sabato 4 dicembre 2010

Invidia, neve e impegno

Sto maturando una certa invidia per chi dorme in una camera singola, senza telefono magari. Sette ore di sonno continuato al giorno sono fondamentali per vivere bene. Non bisogna essere medici per saperlo. Anche bere caffè è un'abitudine sbagliata.
Da quasi una settimana la neve viene giù copiosa. Si mormora che non se n'è mai vista prima di Natale. Il fenomeno ha sortito lo stesso effetto del diluvio universale.
Non sto mantenendo fede al mio impegno. Mi ero prefissato di finire il romanzetto entro l'anno. Di questo passo sarà impossibile. Ora arrivano le vacanze, gente a casa, decine di messe. Tutte scuse. Serve solo forza di volontà e meno distrazioni.

Nessun commento:

Posta un commento