lunedì 31 dicembre 2012

Premio Letterario “Francesco Gelmi di Caporiacco”

Lo scrittore professionista fa leggere il manoscritto a cinque bravi lettori, lo rifinisce un po' e lo passa all'editore di fiducia.
L'esordiente ripone le sue speranze nel concorso letterario, impiegando ogni giorno utile per produrre qualcosa di accettabile. Quando mancano due ore alla scadenza fila in città con la busta chiusa e... non trova nessuno. Perchè avevano aggiornato il bando e modificato la data. Così il disgraziato lascia il lavoro fuori dalla porta, sperando che un gatto non glielo porti via...
Meglio che scriva una supplica alla giuria.

Nessun commento:

Posta un commento